RAPINA AGGRAVATA ANCHE SE LA VITTIMA NON SI ERA ACCORTA CHE I RAPINATORI ERANO PIÙ DI UNO

Nella rapina la circostanza aggravante speciale delle più persone riunite richiede la contemporanea presenza di almeno due persone nel luogo e nel momento della realizzazione della violenza o della minaccia, non rilevando che la persona offesa non abbia percepito la presenza anche di un secondo soggetto e, pertanto non abbia subito una maggiore intimidazione.

Corte di Cassazione, seconda sezione penale, sentenza n. 7836 del 2019

Sia in primo che in secondo grado l’imputato era stato condannato per il delitto ex art. 628 c.p. che disciplina la rapina, disponendo che:

“Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, è punito con la reclusione da quattro a dieci anni e con la multa da 927 euro a 2.500 euro.

Alla stessa pena soggiace chi adopera violenza o minaccia immediatamente dopo la sottrazione, per assicurare a sé o ad altri il possesso della cosa sottratta, o per procurare a sé o ad altri l’impunità.

La pena è della reclusione da cinque anni a venti anni e della multa da 1.290 euro a 3.098 euro:

1) se la violenza o minaccia è commessa con armi, o da persona travisata, o da più persone riunite;

2) se la violenza consiste nel porre taluno in stato d’incapacità di volere o di agire;

3) se la violenza o minaccia è posta in essere da persona che fa parte dell’associazione di cui all’articolo 416bis;

3-bis) se il fatto è commesso nei luoghi di cui all’articolo 624-bis o in luoghi tali da ostacolare la pubblica o privata difesa;

3-ter) se il fatto è commesso all’interno di mezzi di pubblico trasporto;

3-quater) se il fatto è commesso nei confronti di persona che si trovi nell’atto di fruire ovvero che abbia appena fruito dei servizi di istituti di credito, uffici postali o sportelli automatici adibiti al prelievo di denaro;

3-quinquies) se il fatto è commesso nei confronti di persona ultrasessantacinquenne.

Se concorrono due o più delle circostanze di cui al terzo comma del presente articolo, ovvero se una di tali circostanze concorre con altra fra quelle indicate nell’art. 61, la pena è della reclusione da 6 a 20 anni, e della multa da euro 1.538 a ero 3.098”.

Nel ricorrere in Cassazione l’imputato lamenta che i giudici di merito avrebbero errato nel ritenere che il reato fosse stato commesso da più persone riunite in quanto i due concorrenti nel reato non erano presenti assieme nel luogo e nel momento in cui l’azione era stata posta in essere. Infatti la vittima non aveva avuto alcuna percezione del fatto che il ricorrente non operasse da solo; nondimeno la coimputata era intervenuta in un momento successivo, contribuendo a rallentare una persona differente dalla vittima del reato.

Gli Ermellini, intervenuti sulla questione hanno dichiarato infondato il ricorso rammentando che nella rapina la circostanza aggravante speciale delle più persone riunite richiede la contemporanea presenza di almeno due persone nel luogo e nel momento della realizzazione della violenza o della minaccia, non rilevando che la persona offesa non abbia percepito la presenza anche di un secondo soggetto e, pertanto non abbia subito una maggiore intimidazione.

Il legislatore ha precisato che ricorre l’aggravante

“se la violenza o la minaccia è commessa  da più persone riunite; sicchè il termine “riunione” risulta direttamente collegato alla modalità commissiva della condotta violenta o minacciosa, che è connotata da una evidente maggiore gravità quando venga esercitata simultaneamente da più persone”.

Ciò sta a significare che, il legislatore ha delineato una fattispecie plurisoggettiva necessaria, distinguendosi nettamente dall’ipotesi del concorso di persone nel reato, in quanto la fattispecie circostanziale contiene l’elemento specializzante.

Quindi, l’aggravamento è correlato alla maggiore potenzialità criminosa determinato dall’oggettiva compresenza sul luogo del delitto di più persone.

Dott.ssa Benedetta Cacace


VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi