IL COA DI PAVIA FORMULA UN QUESITO IN MATERIA DI RILEVANZA DEONTOLOGICA DELLA CONDOTTA DEGLI AVVOCATI CHE PRESTINO IL PROPRIO SERVIZIO, GRATUITAMENTE O A CARICO DEGLI ENTI, PRESSO SPORTELLI LEGALI ISTITUITI DA COMUNI, CHIEDENDO, IN PARTICOLARE, DI ESPRIMERE PARERE SUL CONTENUTO DI PROPRIE CIRCOLARI CHE IMPONGONO ALLE CONVENZIONI TRA ENTI E PROFESSIONISTI DI PREVEDERE CLAUSOLE ATTE AD EVITARE L’INSORGERE DI FATTISPECIE DI ACCAPPARRAMENTO DI CLIENTELA

Il COA di Pavia formula un quesito in materia di rilevanza deontologica della condotta degli avvocati che prestino il proprio servizio, gratuitamente o a carico degli enti, presso sportelli legali istituiti da Comuni, chiedendo, in particolare, di esprimere parere sul contenuto di proprie circolari che impongono alle convenzioni tra enti e professionisti di prevedere clausole atte ad evitare l’insorgere di fattispecie di accaparramento di clientela.

Osserva la Commissione al riguardo che, indipendentemente dal contenuto delle Convenzioni, restano fermi gli ordinari poteri del COA in materia di segnalazione al competente CDD di eventuali violazioni del divieto di accaparramento di clientela … leggi articolo completo

Consiglio nazionale forense (rel. Commissione), parere del 16 gennaio 2019, n. 2

Fonte: https://www.codicedeontologico-cnf.it


VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi