ALCUNI ASPETTI DEL MOBBING

Mobbing

La Corte di Cassazione ha stabilito che non è mobbing se le condotte avvengono a distanza di anni

Affinché sia configurabile il mobbing, gli episodi devono essere sistematici, ripetuti nel tempo e collegati tra di loro da un medesimo intento persecutorio.

Quindi, per parlare di mobbing è necessario che le condotte del datore di lavoro in danno al dipendente siano persecutorie, sistematiche e ripetute in un arco di tempo breve.

Secondo la sentenza n. 28098 del 2017 della Corte di Cassazione, non è possibile contestare al datore di lavoro, singoli episodi che sono avvenuti a distanza di anni.

Il caso di specie:

Sulla base di ciò, i giudici hanno respinto le doglianze di un lavoratore che domandava il risarcimento del danno da mobbing in ragione dell’esercizio del potere disciplinare da parte del datore di lavoro che, a suo dire, sarebbe stato caratterizzato da modalità contestabili e da una inusitata frequenza.

In realtà, si trattava di 4 episodi circoscritti tra giugno e ottobre del 2005 e distaccati nel tempo sia dalle due ulteriori contestazioni disciplinari dell’ottobre 2003 che dalla contestazione, non seguita da sanzione, del novembre 2006 e da quella, dichiarata illegittima del settembre 2007.

Secondo i giudici di Cassazione ci si trova innanzi ad episodi sforniti del carattere della sistematicità, della durata dell’azione e non collegati tra di loro da un medesimo intento persecutorio e, in quanto tali, non idonei a configurare mobbing.

Infatti, manca almeno uno dei quattro parametri richiesti per potersi parlare di mobbing lavorativo, che sono stati individuati dalla giurisprudenza nei seguenti:

  • Una serie di comportamenti di carattere persecutorio posti in essere nei confronti della vittima, con intento vessatorio, in modo sistemico e prolungato;
  • La lesione della salute, della personalità o della dignità del dipendente;
  • Il nesso eziologico tra condotta e pregiudizio;
  • L’intento persecutorio unificante tutti i comportamenti lesivi.

Dott.ssa Benedetta Cacace


VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi