SE SI PARCHEGGIA A CAVALLO DELLE STRISCE SI PRENDE LA MULTA?

Quali sono i rischi per chi parcheggia occupando più spazi auto quando sono contrassegnati con strisce bianche o blu?

In centro città è sempre una lotta trovare parcheggio. Alcuni arrivano a lavoro mezz’ora prima pur di non lasciare la macchina negli spazi a pagamento. Capita di trovare un posto libero, delimitato dalle linee bianche, ma di non poterlo usare in quanto il proprietario della macchina parcheggiata vicino ha, con le ruote invaso anche l’altro spazio, riducendo ed impedendone l’utilizzo.

Che cosa si può fare in questi casi? Il più delle volte le persone si rassegnano e proseguono dritte, alla ricerca di un altro parcheggio libero. Ma se un conducente viene sorpreso a parcheggiare a cavallo tra le strisce rischia la multa?

Vediamo quanto dispone il codice della strada.

L’articolo 149 del regolamento di attuazione del codice della strada ricorda quali sono i colori con cui i parcheggi possono essere delimitati dal Comune:

  • Strisce bianche: parcheggi gratuiti. Alcune volte queste aree vengono contrassegnate da una segnaletica che pone un limite di tempo all’utilizzo del medesimo spazio; in tal caso gli automobilisti possono usufruire le strisce senza pagare il ticket, ma rispettando il limite massimo temporale. Oltre tale limite scatta la multa;
  • Strisce blu: sono a pagamento. La Corte di Cassazione ha chiarito che sono lecite le multe sulle strisce blu per grattino scaduto;
  • Strisce gialle: delimitano i posti riservati agli invalidi o il carico/scarico di merci

V. anche

AUTO IN DOPPIA FILA E CONTRASSEGNO DISABILI

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Sempre il codice della strada definisce le differenti modalità con cui i Comuni possono disegnare, con le strisce blu o bianche, gli spazi riservati ai parcheggi. La delimitazione degli spazi per parcheggio può avvenire, con il tracciamento di aree a forma di rettangolo, con la delimitazione a forma di L o T, indicanti l’inizio, la fine o la suddivisione degli stalli entro i quali dovrà essere parcheggiato il veicolo.

Il Comune può disegnare le strisce per il parcheggio in 3 differenti modi:

  • In modo longitudinale;
  • A pettine;
  • A spina

Il codice della strada, all’art. 157 stabilisce che, nelle zone di sosta predisposte, i veicoli devono essere collocati nel modo prescritto dalla segnaletica. Non si è esonerati dal non invadere lo spazio destinato a altra auto nemmeno se la macchina ha in parte invaso l’altrui area obbligando tutti gli altri a scalare di mezza posizione.

In caso di violazione di tale regola si rischia una multa da 41 a 168 euro.

Dott.ssa Benedetta Cacace


VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi