SEPARAZIONE E L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO PER FIDO

In caso di separazione chi mantiene il cane?

Separazione ed assegno mensile a favore dell’amico a 4 zampe

Gli alimenti non sono dovuti solamente ai figli ma anche agli animali domestici; così i giudici del Tribunale di Modena hanno disposto che un ex marito dovrà versare l’ammontare di euro 50 ogni mese, come assegno di mantenimento per il cane. In Italia è una delle prime sentenze in tal senso.

50 euro al mese per mantenere il cane di famiglia; tale è la decisione adottata dai giudici del Secondo Collegio del Tribunale di Modena innanzi ad una separazione consensuale, l’ex marito dovrà riconoscere all’ex moglie tale somma come assegno di mantenimento per il loro pastore tedesco.

Tale pronuncia è una delle prime sentenze di tale tipo nel nostro Paese. I giudici modenesi sono arrivati a questa conclusione dopo che l’ex moglie aveva spiegato nel suo ricorso l’importanza della figura del cane all’interno della loro famiglia e il forte legame affettivo che unica l’animale ai suoi figli.

V. anche

Infatti, per questo motivo, i giudici del Tribunale modenese, sulla base di un unico obiettivo, ossia la tutela del cane al pari di un figlio, hanno statuito di collocare l’animale insieme ai figli minori della coppia, e pertanto con l’ex moglie dell’uomo.

La somma di 50 euro mensili a carico dell’ex marito deve intendersi come contributo al 50% per il mantenimento del pastore tedesco, che pertanto spetta ad entrambi gli ex coniugi, come nel caso delle spese straordinarie che sono divise come da consuetudine al 50%.

Per la prima volta in assoluto l’affidamento di un animale domestico si svolge in maniera chiara e precisa dato che, generalmente negli ultimi anni non ci sono mai state decisioni univoche tali da decifrare in un solo modo la situazione in oggetto.

Dott.ssa Benedetta Cacace


VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrebbe interessarti